Skip to content
VM Samael Aun Weor: Psicologia Alchimia Astrologia Meditazione Cabala Gnosi
Guai! All'uomo che si identifica con la Mente, perché perde l'Intimo, e finisce nell'abisso
Gnosi | VOPUS arrow Filosofia arrow La Ricerca della Verità

La Ricerca della Verità

Stampa E-mail
Scritto da Andrés LMA   
Peter Nicolai Arbo- Olav Haralds- Verità e Bugia

Verità e Bugia, in termini assoluti, hanno lottato sin da epoche lontane per erigersi come unica spiegazione degli avvenimenti universali, ma per disgrazia dei mortali ciò risulta impossibile, per il principio infrangibile che la Dualità non può comprendere l'Unità. Tutte le nostre concezioni sono dualiste nelle loro impostazioni e tripartite nelle loro risoluzioni (tesi, antitesi e sintesi).

Nonostante ciò uno dei doveri più delicati che ha avuto l'uomo, passando per questo mondo, è stato il cercare la Verità, quella Verità che ci renderà liberi, secondo i Vangeli Universali, quella Verità che come un Sole illuminerà le nostre menti e cuori dando risposta a tutti i nostri punti interrogativi e ci farà inchinare, come dicono le massime indù, ai piedi di Colui che sa asciugarci le lacrime della confusione.

Ma la Verità, come dicevamo prima, sempre parziale e soggettiva nel livello di coscienza in cui ci troviamo, si trova sommersa dalle ingiustizie, paure e timori, generando un mare di tenebre e di insicurezze che la rendono inaccessibile o instabile.

La Dualità, alla quale ci riferivamo e dalla quale siamo influenzati, non è solo nel mondo esterno, ma al contrario e parlando in termini psicologici, si trova dentro di noi, dallo strato più superficiale fino a quello più profondo; e la conquista dell'Essere è precisamente la conquista dell'Unità; è fare del Due Uno.

Il sole (Verità, Menzogna e Libertà)

Pertanto, possiamo e dobbiamo dire che l'Ontologia Gnostica è la strada che ci conduce verso la Verità, la Libertà e la Vita. La strada che l'Umanità dovrebbe seguire per trascendere la mediocrità come risultato della sua materialità.

Certo è che da quando abbiamo l'uso della ragione e ci vediamo sbarcati in questo mondo, stiamo correndo dietro chimere tanto inafferrabili quanto i loro nomi: Felicità e Verità. Alcuni ed altri ci rimettono la pelle e la vita stessa nella ricerca; alcuni, andando alla conquista di fortune immense perché credono che così troveranno la chimera dei loro sogni; altri, all'estremo opposto, si allontanano dal mondo e dai suoi mali e, quanto maggiore è la reclusione e più solitaria la loro vita, più si sentono vicino alla chimera che perseguono. Noi comuni mortali ci troviamo in mezzo a questi due estremi, ma le nostre tendenze a volte c'inclinano verso un polo oppure verso l'altro.

Per gli uomini che cercavano l'etica ed i principi è stato sempre priorità stabilire il proprio equilibrio nel fatto di fare la volontà del Creatore, però è proprio qui che si commettono ogni tipo di errori, nel tentare di capire la volontà del Creatore. La Conoscenza Universale ha sempre saputo sintetizzarsi e trasformarsi magistralmente in alimento per ogni anima che avesse bisogno di lei in qualunque momento. Questo è il caso del Vangelo degli Esseni o Vangelo della Pace, dove Gesù parla ai suoi discepoli, che alla fine sono tutti quelli che hanno udito per capire ed intendimento per comprendere, dicendogli che "felici sono quelli che compiono le leggi della vita e non vagano per le strade della morte". Noi deduciamo che felici tutti quelli che sappiano rendere legge di vita questa massima con la quale Gesù si dirigeva ai suoi attoniti discepoli, chiedendosi quale legge di vita il Maestro proponeva loro, perché erano convinti di osservare le leggi che segnavano i passi delle loro vite nelle scritture civili e religiose dell'epoca.

Il Maestro raccogliendo l'opinione di questi rispondeva loro:

Non cercate la Legge nelle vostre scritture, perché la Legge è la Vita, mentre quello che è scritto è morto. In realtà vi dico che Mosè non ricevette da Dio per iscritto le sue leggi, bensì attraverso la parola viva. La Legge è la Parola Viva del Dio Vivo, data ai profeti vivi per gli uomini vivi. Ovunque ci sia vita si trova la Legge. Potete trovarla nell'erba, nell'albero, nel fiume, nella montagna, negli uccelli del cielo, nei pesci del mare; ma cercatela principalmente in voi stessi. De-La-Tour- Reflezzione (Menzogna e Verità) Perché in realtà vi dico che tutte le cose vive si trovano più vicino a Dio della scrittura che è sprovvista di vita. Dio fece sempre la vita e tutte le cose vive di modo che insegnassero all'uomo, per mezzo della parola viva, le leggi del Dio vero. Dio non scrisse le leggi nelle pagine dei libri, bensì nel vostro cuore e nel vostro spirit.

Leggendo queste parole capiamo che Conoscenza e Saggezza sono atemporali come le opere della Natura.

Vogliamo chiarire che come uomini della nostra epoca, non respingiamo la parola scritta, poiché attraverso questa comunichiamo e ci manifestiamo, ma sì vediamo in questo messaggio straordinario la necessità di riflettere ed interiorizzare le Parole di Vita, facendo in modo che fruttifichino dentro di noi per riuscire ad alimentarci con esse, perché non dobbiamo dimenticare, come diceva il Gran Kabir che non solo di pane vive l'uomo... Tenendo presente tutto questo è facile intravedere, ascoltando ed osservando gli uomini, quali abbiano saggezza viva e quali conoscenze morte, senza considerare quanti titoli universitari adornino i loro vestiti o incoronino le loro chiome e così riconoscere il Saggio per le sue riflessioni ed il pappagallo per le sue ripetizioni.

Oggi senza andare tanto lontano, sono passato, come molti altri pomeriggi, dalla libreria dove alcuni dei miei momenti di ozio si perdono nel mare immenso di linee scritte che si trovano lì e mi sono fermato per "casualità", se questa esiste, a leggere una frase tra le migliaia e migliaia che i volumi mi offrivano che riassumeva sincreticamente l'atteggiamento dell'essere umano di fronte alla vita e specialmente quella dell'essere umano che sente la vita come un crocevia. La frase in questione diceva: "L'essere umano tenta di legare Sicurezza e Libertà senza rendersi conto che queste due forze sono antagoniste." Mentre lo pensiamo ci rendiamo conto che ha ragione e, se ci mettiamo impegno, può essere che rimaniamo delusi, tanto quanto chi volesse legare omogeneamente l'acqua con l'olio, poiché a mio giudizio, non so del gentile lettore, ma lavoro gliene diamo con la lettura del presente libro, la Libertà è il più insicuro degli stati.

„Il Cielo si prende per assalto ed i coraggiosi l'hanno già preso”, perciò i deboli e fragili che fabbrichino i loro cieli di carta di colore rosa e chi intuisce nel proprio intimo che il superamento è frutto dello sforzo rinnovato e non dell'animo fragile, che prosegua e stia con lo spirito sveglio, perché la Conoscenza non è di uno bensì di tutti, ma arriva ad incarnarla solo chi stia nella disposizione di mantenerla, digerirla ed assimilarla.

Carrodel- Il Sole (La ricerca de la Verità)
La ricerca della Verità
AddThis Social Bookmark Button
 
< Carl Sagan - Pallido Puntino Azzurro   La Verità >

Conoscenza Universale

Scienza
Arte
Filosofia
Mistica/Religione





Password dimenticata?
Nessun account? Registrati
Corso Autoconoscenza Gratuito

Nuove attività 2018:




Iscriviti alla newsletter


(I dati sono confidenziali. Gradiamo la tua collaborazione.)